.
Annunci online

 
LeOcheDiLorenz 
Per scoprire il Mondo Dentro e quello Intorno...
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  il Blog-Rivista!
So'
Viz
Fiz!
Chia
Miss!
Il SITO Rivista
  cerca

"Parlami dell'esistenza di mondi lontanissimi..."




"Tyger tyger, burning bright
in the forests of the night
what immortal hand or eye
could frame thy fearful simmetry?"





Le teorie vanno e vengono...
...le rane rimangono!


 

Diario | Le Oche di Lelo | Storie Naturali | La cinciarella |
 
Diario
1visite.

13 gennaio 2008

Stracci di Notte

 
" La notte col lungo uso si consuma.
Non si consuma in alto, nelle stelle. Si consuma come una veste trascinata in terra, tra gli alberi e i sassi, sino in fondo alle malsane gallerie e alle umide cave.
Non c'è angolo dove non penetri un lembo di notte. Le spine la pungono, i freddi la screpolano, il fango la sciupa. E ogni mattina, quando la notte risale, se ne staccano qua e là, a caso, brandelli.
Così nascono i Pipistrelli.





Non sono cattivi. Non ci toccano mai.
Figli della notte, non odiano che la luce, e sfiorando con i piccoli scialli funebri, cercano candele su cui soffiare.
"  (Jules Renard)


Un piccolo omaggio ai folletti della Notte



Lelo




permalink | inviato da leochedilorenz il 13/1/2008 alle 20:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
sfoglia
dicembre        febbraio